Contattaci +39 02 97292427 interno 1

PhytoItalia

HIVERACTIVE 2 confezioni

Categoria: Complessi liquidi
Codice: L118
Prodotto:HIVERACTIVE 2 confezioni
Peso netto: 200 ml x2
Area: Sistema Respiratorio
Forma: Liquido


MODO D'USO: 1-3 tappi al giorno (1 tappo equivale a cca 10ml), diluiti in abbondante acqua, prima dei pasti. Non eccedere le dosi indicate.

AVVERTENZE: Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta variata e di uno stile di vita attivo. TENERE LONTANO DALLA PORTATA DEI BAMBINI AL DI SOTTO DEI TRE ANNI. Non assumere in gravidanza e durante allattamento. Può contenere tracce di: latte, grano, soia, frutta a guscio, crostacei, pesce, sedano. Conservare in luogo fresco ed asciutto,al riparo da fonti di calore. Agitare bene prima dell'uso.Un eventuale deposito è dovuto all’origine naturale degli ingredienti e non pregiudica la qualità del prodotto. Prodotto incluso nel ragistro degli integratori del Ministero della Salute codice 41270.

Prezzo
€ 25,00

Descrizione

INFORMAZIONI AL CONSUMATORE: integratore alimentare contenente Papaver rhoeas, Eucaliptus globulus, Echinacea angustifolia e Malva sylvestris, che possono essere utili come coadiuvanti la normale funzionalità delle prime vie respiratorie.

INGREDIENTI (per 200 ml): estratti acquosi delle seguenti piante: Eucalipto (Eucalyptus globulus Labill.) foglie 9g, Pino Silvestre (Pinus sylvestris L.) gemme 9g, Malva (Malva sylvestris L.) foglie 8,8g, Marrubio (Marrubium volgare L.) foglie 8,6g, Piantaggine (Plantago lanceolata L.) sommità 8,6g, Tassobarbasso (Verbascum thapsus L.) sommità 8,6g, Lauro (Laurus nobilis L.) foglie 8g, Propoli macerato glicerinato (Propolis) resina 6g, Echinacea (Echinacea purpurea moench.) radice 5g, Papavero (Papaver rhoeas L.) fiori 4,6g, Sambuco (Sambucus nigra L.) fiori 4,6g, Poligala (Polygala vulgaris L.s.L.) foglie 3g. coadiuvanti tecnici: glicerolo, conservante E202, aroma, colorante E150b.

3 TAPPI (cca 30ml) APPORTANO: Eucalyptus globulus 1,4g, Pinus sylvestris 1,4g, Malva sylvestris 1,3g, Marrubium volgare 1,3g, Plantago lanceolata 1,3g, Verbascum thapsus 1,3g, Laurus nobilis 1,2g, Propoli 0,9g, Echinacea purpurea 0,75g, Papaver rhoeas 0,69g, Sambucus nigra 0,69g, Polygala vulgaris 0,45g.




Echinacea  Eucalyptus globulus Labill. - famiglia Mirtacee , originario dell' Australia, cresce nelle zone temperate, centro, sud Italia e all'Elba è molto diffuso. A metà del diciannovesimo secolo l' Eucalipto fu introdotto in Europa dalla Tasmania luogo dove cresce in abbondanza superando anche i 100 metri di altezza. L'Eucalipto cresce rapidamente e assorbe una grande quantità diacqua dal suolo: per questo motivo viene impiegato per drenare terreni paludosi contribuendo a evitare che si sviluppino le zanzare anofele portatrici del plasmodio causa della malaria.

Pino silvestre  Pinus Silvestris L., fam. Pinaceae, albero di grandi dimensioni, alto fino a 20-30 m, sempreverde. È presente sulle Alpi e sull'Appennino centro settentrionale da 800 a 2000 m. Frequentemente è coltivato. Le gemme si raccolgono ben chiuse in febbraio-marzo, epoca in cui l 'essudazione della resina è più evidente. L'essiccazione si fa all'ombra.Dalla resina della corteccia si ottiene, per distillazione, l'essenza di trementina (oleum terebinthinae). Dal Pinus mugo (var. Pumilio Haenke) si ricava il mugolio.

Alloro -Laurus nobilis L.  Albero sempreverde della famiglia delle Lauraceae. Si usano foglie, frutti che contengono olio essenziale. La leggenda narra che Dafne, per poter sfuggire al corteggiamento di Apollo chiese di mutare la sua figura, fu così che venne trasformata in Lauro. I Greci lo consacrarono ad Apollo, dio della musica e della poesia. In Grecia e a Roma divenne simbolo di pace e di vittoria. Poeti, i guerrieri e gli sportivi che si distinguevano venivano incoronati con ghirlande di foglie e frutti di alloro, per i Romani rimase un simbolo di successo, l'attuale parola laureato discende da questa tradizione, per questo è anche detto Lauro Nobile. Era considerato custode delle partorienti, si narrava che Giunone abbracciò due lauri prima di dare alla luce i gemelli Apollo e Artemide. Era anche pianta consacrata ad Asclepio, dio della medicina e figlio di Apollo. Il Lauro fu usato per secoli come rimedio contro molte malattie, ad esempio la peste. Ancora oggi viene utilizzato appeso alle pareti per rinfrescare gli ambienti e sistemato nella farina per tenere lontani gli insetti. Principi attivi: olio essenziale aromatico.

Malva ( Malva sylvestris L.)  Famiglia: Malvacee, chiamata anche Malva selvatica. Habitat: cresce in terreni ricchi, porosi, sui cigli delle strade submontane da 0-1600 metri, nei periodi di maggio fino ad agosto.

Marrubio bianco (Marrubium vulgare L.)  Questa pianta è molto usata in fitoterapia per le sue proprietà.

Piantaggine (Plantago lanceolata L.)  Famiglia delle Plantaginacee. Secondo studi scientifici, i componenti sono: iridoidi e composti fenolici, acidi fenolici, esteri eterosidici fenilpropanolici ( verbascoside, plantamajoside), mucillagine, iridoici (aucubina), flavonoidi, tannino, acido silicico, sali minerali, zinco, potassio, tracce di olio essenziale ( studi scarsi sulla efficacia terapeutica).

Poligala ( Polygala vulgaris L.)  Secondo studi farmacologici la Poligala contiene: saponine, composte da glucosidi triterpenici ( selegina), oli essenziali, salicilato e valerianato di metile...

Tassobarbasso (Verbascum thapsus L.)  Famiglia : Scrophulariaceae, vive in Europa e alcuni parti dell'Asia. Secondo letteratura, i componenti principali sono : flavonoidi, mucillagini, saponine, iridoidi monoterpenici, derivati dell'acido caffeico.

Sambuco (Sambucus nigra L.)  Famiglia delle Caprifoliacee. Il nome deriva dal greco "sambuchè" , strumento musicale, ricavato dai suoi rami cavi si fabbricava un tipo di flauto. E' un arbusto che può raggiungere anche o 3 - 5 - 10 metri, i fiori sono giallo-biancastri, ombrelliformi. Si trova in Europa, America del Nord, Asia occidentale. Parti usate: fiori, frutto, foglie, corteccia, semi. Componenti dei fiori: olio essenziale, flavonoidi, glicosidi flavoni, acidi fenolici, quercetina, canferolo, rutina, isoquercitrina, iperoside, astragalina, quercitrina, acido p-cumarico, acido caffeico, acido ferulico, triterpeni aflae beta-amirina, acidoursolico, acido oleanolico, acido ascorbico, acido palmitico, acidolinoleico, acido clorogenico, steroli, mucillagini, tannini, pectine, zuccheri.

Rosolaccio (Papaver rhoeas L.)  Nel papavero selvatico (rosolaccio) ritroviamo diversi principi attivi: alcaloidi quali la readina, la reagiina, la rearubina I e II, tannini, mucillaggini, coloranti, antociani.