Contattaci +39 02 97292427 interno 1

Phytoitalia

Semi di lino - ICOM - International College of Osteopathic Medicine

I Semi di lino LINUSAN, sono di tipo oro, spaccati meccanicamente , così da poter essere consumati direttamente, per via orale. 3 cucchiai da minestra al giorno, seguiti da abbondante ingestione di liquidi oppure aggiunti a yogurt, insalate..

Tale dosaggio di circa 5 grammi die  è in linea con quanto suggerito dalla FAO ( circa 3 gr die) e dall ‘OMS riguardo l’apporto esogeno di acidi grassi polinsaturi, serie Omega 3, detti essenziali perché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli, e devono essere assunti con la dieta.

Si rammenta che le linee guida per una corretta alimentazione e dosaggio minimo di 3 grammi di omega 3, raccomandano assunzione di pesce , almeno 3 volte la settimana. dose che in realtà spesso non si riesce a raggiungere perché gli alimenti ricchi di questi  acidi grassi non sono molto appetibili, non tutti vogliono o riescono a mangiare pesce o consumare olio di pesce. Inoltre entrambi spesso risultano di  bassa qualità, a causa dell’inquinamento marino, con possibilità di trovare nel loro interno inquinanti come il mercurio, o addirittura cancerogeni come le diossine e il PCB.

 

I semi di lino LINUSAN, sono una ricca fonte di acidi grassi polinsaturi:

 

Acido –alfa –linolenico (ALA), uno degli acidi grassi Omega 3, precursore dell’acidoeicosapentaenoico (EPA) presente negli oli di pesce.,

Sono i precursori di molecole segnale (eicosanoidi, endocannabinoidi).

Hanno anche un’azione diretta sull’espressione genica tramite l’attivazione di:

  • Peroxisome Proliferator-Activated Receptor (PPAR)
  • Sterol Responsive Element- Binding Protein (SREBP)

Gli acidi grassi omega-3 hanno un’attività antiaterogena, antinfiammatoria, antitrombotica, ed aumentano le HDL.

L’acido acido docosaesaenoico o DHA e l’Acido Arachidonico (ARA) sono importanti componenti strutturali dei lipidi di membrana, molto diffusi nel sistema nervoso centrale. Infatti il 50% del peso secco del cervello è rappresentato da lipidi, soprattutto fosfolipidi contenenti acido Arachidonico (ARA).

L’acido docosaesaenoico (DHA), svolge anche una funzione di rilievo nella retina, infatti l’80% dei PUFA delle sue membrane sono costituite dall’acido docosaesaenoico (DHA), che permette a queste membrane la rapida trasmissione della luce.

L’acido eicosapentaenoico o EPA  e l’acido docosaesaenoico (DHA)  svolgono anche un’azione protettiva nei confronti dell’aterosclerosi e proteggono dall’insorgenza di malattie cardio-vascolari.

L’acido eicosapentaenoico (EPA) è il principale precursore delle prostaglandine della serie 3, che svolgono un’attività antiaggregante piastrinica.

L’acido α-linolenico (omega 3) inoltre, in numerosi studi si è dimostrato utile alla riduzione della mortalità cardio-vascolare.

Un’integrazione in acidi grassi omega 3 può essere utile nelle situazioni infiammatorie.

Può essere consigliata un integrazione dietetica a tutti coloro che hanno processi infiammatori intensi, funzione immunitaria compromessa e possono aiutare a tenere in remissione il morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa

.

In questi semi superenergetici si trovano, inoltre,lignani ( o fitoestrogeni) mucillagini, proteine ricche di aminoacidi, un’elevata concentrazione di minerali, in particolare ferro, magnesio, manganese, oligoelementi come cobalto e rame, alcune vitamine fra cui la E e il gruppo B.

 

Le mucillagini contenute nei semi di lino LINUSAN

Sono polisaccaridi eterogenei, che a contatto con l'acqua si dilatano formando soluzioni colloidali, viscose ma non adesive (caratteristica, quest'ultima, che le differenzia dalle gomme) con azione lassativa (rendono le feci più morbide e stimolano la progressione del contenuto intestinale)ed anoressizzante (dilatando le pareti dello stomaco, sopprimono lo stimolo della fame).

Dimostrano una certa efficacia nel contrastare le irritazioni del tratto digerente e le infiammazioni intestinali; sono inoltre utilizzate esternamente per preparare impacchi dalle proprietà lenitive.

 

Bibliografia

1.       Journal Of Experimental Medicine (2005, March 14). Eating Oily Fish May Reduce Inflammation.  Science Daily
2.       Bhathena, Sj; Berlin, E; Judd, Jt; Kim, Yc; Law, Js; Bhagavan, Hn; Ballard-Barbash, R; Nair, Pp (1 October 1991). “Effects of omega 3 fatty acids and vitamin E on hormones involved in carbohydrate and lipid metabolism in men”. The American journal of clinical nutrition

3.       Delarue, J; Matzinger, O; Binnert, C; Schneiter, P; Chioléro, R; Tappy, L (Jun 2003). “Fish oil prevents the adrenal activation elicited by mental stress in healthy men”. Diabetes & metabolism 29

4.       Effects of n-3 fatty acids from fish on premature ventricular complexes and heart rate in humans. Geelen A, Brouwer IA, Schouten EG, Maan AC, Katan MB, Zock PL. Am J Clin Nutr. 2005 Feb;81(2):416-20
Dietary supplementation with n-3 polyunsaturated fatty acids and vitamin E after myocardial infarction: results of the GISSI-Prevenzione trial”. Lancet 354

5.       Effect of docosahexaenoic acid on lipoprotein subclasses in hyperlipidemic children (the EARLY study) Engler MM, Engler MB, Malloy MJ, Paul SM, Kulkarni KR, Mietus-Snyder ML. Am J Cardiol. 2005 Apr 1;95(7):869-71

6.       Ratio of n-6 to n-3 fatty acids and bone mineral density in older adults: the Rancho Bernardo Study. Weiss LA, Barrett-Connor E, von Muhlen D. Am J Clin Nutr. 2005 Apr;81(4):934-8

7.       Dose-response effects of omega-3 fatty acids on triglycerides, inflammation, and endothelial function in healthy persons with moderate hypertriglyceridemia. Unfer V et al. Endometrial effects of long-term treatment with phytoestrogens: a randomized, double-blind, placebo-controlled study. Fertil Steril. 2004; 82:145-8. Letter and Authors response Fertil Steril. 2005; 83: 256-7.

8.       Malignat neoplasms of the endometrium. In: Martindale. The Complete drug reference. 34th ed, The Paharmaceutical Press, London 2005: 516.

9.       Prescrire Editorial Staff. Risk-benefit balance of post-menopausal hormone replacement therapy. Prescrire Int 2004; 13: 106-109.

10.    Glazier MG et al. A review of the evidence for the use of phytoestrogens as replacement for traditional estrogen replacement therapy. Arch Intern Med 2001; 161: 1161.

11.    Davis SR. Phytoestrogens therapy for menopausal symptoms? Br Med J 2001; 323: 354.

12.    Chun-Sen H et al. Soy isoflavone supplementation in postmenopausal women. J Reprod Med 2001; 46: 221-226.

13.    Alexandersen P. Ipriflavone in the treatment of postmenopausal osteoporosis. JAMA 2001; 285: 1482.

14.    Ginsburg J et al. Lack of significant hormonal effects and controlled trials of phytoestrogens. Lancet 2000; 355: 163.

          15    Bjelakovic G, Nikolova D, Simonetti RG, Gluud C (2004). Antioxidant supplements for prevention of gastrointestinal cancers: a systematic review and meta-analysis Lancet; 364: 1219–28.

     16.       Sandstead HH, Klevay LM, Jacob RA, Munoz JM, Logan GM, Reck SJ, Dintzis FR, Inglett GE,Shuey WC (1979). Effects of dietary fibre and protein level on mineral element metabolism. In Dietary fibres: chemistry and nutrition. Inglett GE and Falkehag SI, eds. Academic Press, New York, pp. 147-156

 


DATA

Inizio: | Fine:



DOCENTE

Dott. Massimo Caliendo; Dott. Giampiero Fusco



LOCATION

ICOM - International College of Osteopathic Medicine
Via Riviera di Chiaia, 202 - Napoli



CONTATTI

Direzione PhytoItalia Sud
Dott.ssa Di Dato Fabiana 0815604424 fabiana.didato@phytoitaliasud.it

Segreteria ICOM
Sig.ra Rita 081416097
cell. 3393990683

Nel PDF allegato, consultabile dopo aver effettuato l'accesso al sito PhytoItalia, ulteriori contatti.